Quando Joshua Left ha cercato di inviare informazioni sul coronavirus alla sua famiglia in Cina, non si aspettava di ricevere avvisi dagli amministratori di WeChat e strani messaggi dai contatti della sua lista.

Left era preoccupato che la sua famiglia in Cina non ricevesse informazioni accurate sul virus all’interno del Paese. I contatti sulla sua lista hanno iniziato a chiedere dettagli specifici sulla posizione e altre informazioni subito dopo l’invio dei messaggi.

Quando si è rifiutato di fornire informazioni, i contatti lo hanno esortato a tornare in Cina il prima possibile. Sembra che il governo cinese stia monitorando i servizi di chat e i social media e stia moderando le conversazioni tra i suoi cittadini.

La gente viene imprigionata per aver pubblicato messaggi sui social media. La Cina ha recentemente cancellato le proteste online dopo la morte del medico informatore che a dicembre ha cercato di mettere in guardia il mondo dal virus.

https://www.vice.com/en_us/article/wxepem/heres-how-china-is-hunting-down-coronavirus-critics