AlphaZero è un successore più flessibile e potente di AlphaGo. Entrambe le intelligenze artificiali sono in grado di battere gli umani nelle partite a scacchi, Go e Shogi. L’uso dell’IA per battere partite di grande logica ha reso le partite più rigide, con campioni ai più alti livelli che giocano partite memorizzando le decisioni che l’IA aveva creato in precedenza. L’ex campione di scacchi Vladimir Kramnik ha reintrodotto la creatività nel gioco insegnando ad AlphaZero ad imparare nove varianti degli scacchi. Ogni variante ha regole diverse e ha portato a una varietà di strategie diverse. Ora che le macchine sono imbattibili, cambiare le regole in questo modo potrebbe rendere il gioco più una forma d’arte e portare a un gioco migliore.

Iscriviti al nosto canale Telegram, per le notizie in tempo reale!

https://arstechnica.com/gaming/2020/09/ai-ruined-chess-now-its-making-the-game-beautiful-again/