I ricercatori hanno usato per la prima volta il CRISPR-Cas9 sui cefalopodi, rendendo trasparenti alcuni calamari longfin inshore eliminando un gene chiamato TDO. TDO codifica una proteina che aggiunge pigmento agli occhi del calamaro e cromatofori. I calamari sono stati trattati come embrioni e il trattamento ha avuto successo su oltre il 90% delle cellule del calamaro, suggerendo che la tecnica potrebbe essere utilizzata per modificare i geni coinvolti nella funzione cerebrale dei cefalopodi.

Iscriviti al nosto canale Telegram, per le notizie in tempo reale!

https://www.nature.com/articles/d41586-020-02242-3