Il nuovo fucile laser d’assalto ZKZM-500 cinese è in grado di bruciare la pelle umana e di incendiare obiettivi infiammabili da un chilometro di distanza.

L’esercito statunitense ha recentemente sviluppato grandi cannoni laser progettati per navi o camion, ma i fucili laser sono ancora fuori portata.

La Cina afferma che la polizia cinese utilizzerà l’arma nelle sue operazioni antiterrorismo.
L’arma pesa circa tre chilogrammi ed è abbastanza potente da penetrare in un serbatoio di gas e incendiare il carburante all’interno.
È completamente silenziosa e il raggio è invisibile.
Con un prezzo di circa 20.452 dollari per fucile, l’arma è relativamente poco costosa, considerando che non avrà bisogno di munizioni aggiuntive in quanto funziona a batterie.

Il protocollo delle Nazioni Unite sulle armi laser accecanti vieta le armi specificamente progettate per causare cecità permanente, ma non ci sono strumenti per far rispettare la legge. Un documento promozionale su un sito web del governo cinese discute il potenziale uso dell’arma contro i manifestanti.

https://www.gizmodo.com.au/2018/07/china-claims-to-have-a-real-deal-laser-gun-that-inflicts-instant-carbonisation-of-human-skin/