Microsoft ha sommerso un data center al largo delle Orcadi due anni fa in un esperimento per valutarne le prestazioni e l’efficienza energetica sott’acqua. Il data center aveva un tasso di guasto inferiore rispetto ai data center convenzionali, con solo otto degli 855 server a bordo che si sono guastati dopo due anni in fondo al mare. Questo risultato può essere dovuto al fatto che nella capsula è stato usato l’azoto piuttosto che l’ossigeno, dato che non c’erano esseri umani a bordo. Il costo del raffreddamento dei data center sarebbe inferiore se fossero sott’acqua. I luoghi sott’acqua sono anche più sicuri senza avere i grandi costi infrastrutturali della costruzione di un edificio.

Iscriviti al nosto canale Telegram, per le notizie in tempo reale!

https://www.bbc.com/news/technology-54146718